Confapi e CGIL, CISL, UIL della Regione Siciliana sono impegnate da mesi per dare attuazione alle disposizioni contrattuali in materia di bilateralità e pariteticità.

Comprendendo che l’attuale situazione generale legata alla pandemia Covid-19 semini paura, panico, sconforto e pessimismo, siamo convinti ora più che mai che parti datoriali e sindacali debbano attivare autentici e fattivi progetti di collaborazione al fine di fornire supporto e assistenza congiunta in materia di salute e sicurezza sul lavoro per garantire una più veloce ripresa dello sviluppo economico della regione.

Molte imprese siciliane costituiscono seri punti di riferimento sia per forza produttiva e numero di addetti sia per influenza nel territorio e nella società civile e quindi guardano con attenzione a tutte le opportunità connesse allo sviluppo e rafforzamento del c.d. sistema di “welfare partecipativo”, al cui sviluppo si rivolge l’azione di Cgil, Cisl e Uil.

Con questo spirito e in quest’ottica nasce “ConFare Paritetico”, un progetto fortemente voluto dalle parti sociali coinvolte per il superamento di una crisi sanitaria e, insieme economica anche mediante il ricorso alla bilateralità e ai relativi Organismi Paritetici.

Nel dettaglio, le parti sociali coinvolte, hanno siglato un accordo per la costituzione di un Comitato Territoriale volto all’accompagnamento e supporto alle politiche di prevenzione e contrasto della diffusione del Covid-19,  il suo regolamento attuativo e una “survey” conoscitiva per analizzare i dati, conoscere azioni e interventi intrapresi, fornire, ove necessario e richiesto, suggerimenti utili per una più corretta ed efficace azione di attuazione dei Protocolli sulla Sicurezza in azienda.

Nella sezione online dedicata, la possibilità di aderire al progetto anche compilando online l’indagine preliminare conoscitiva e di supporto all’azione aziendale intrapresa in tema di prevenzione e contrasto al Covid-19.