Dall’Ungheria arrivano le riflessioni sulla situazione attuale dal punto di vista del nostro ambasciatore per l’internazionalizzazione Maurizio Sauli.

Misure finanziate mediante riassegnazione di fondi UE disponibili

Dall’elenco emerge inoltre chiaramente che esistono innumerevoli programmi di protezione economica finanziati dal governo con fondi UE. 

Si può vedere chiaramente che la copertura del programma ungherese Kurzarbeit proviene anche da fondi dell’UE (programma GINOP) e 

IN TOTALE, LO STATO UNGHERESE SPENDE 400 MILIARDI DI HUF IN DENARO DELL’UNIONE EUROPEA PER STIMOLARE L’ECONOMIA.

Programmi di protezione economica finanziati mediante riassegnazione di fondi UE (in mld di fiorini)

Preoccupazioni finanziare dovute all’epidemia

Un sondaggio condotto da BÁV a maggio che analizza le risposte di 15.000 clienti fornisce un quadro di come la situazione finanziaria delle famiglie ungheresi medie è stata influenzata dall’epidemia di coronavirus e dalla relativa incertezza economica.

Circa l’80% di coloro che hanno completato il sondaggio completo di 15.000 partecipanti ha un lavoro, ma a causa dell’epidemia, il 15% è in congedo non retribuito, il 30% è impiegato in orari ridotti e il 35% lavora nello stesso numero di ore per salari ridotti.

I clienti ipotecari intervistati, che in genere vivono con salari medi, gestiscono le loro finanze in modo più consapevole a causa dell’epidemia, con il 50% che inizia a risparmiare e a contenere le spese perché si aspettano che la loro situazione finanziaria peggiori ulteriormente. 

La metà dei clienti intervistati ha quindi iniziato a risparmiare e contenere le proprie spese, il che è spiegato anche dal fatto che il 13% di loro sta già esaurendo le riserve e il 17% ha bisogno di un prestito per sostenersi. 

Circa il 60% degli intervistati prevede che le proprie entrate diminuiranno nel prossimo futuro, di cui il 38% prevede un lieve calo, mentre il 22% prevede un calo più grave. 

Circa il 26% degli intervistati, compresi i pensionati, non pensa che la loro situazione finanziaria cambi, aggiunge il sito web.

“Durante il sondaggio, abbiamo registrato un numero significativo di nuovi clienti. Per la prima volta, molte persone hanno pensato di chiedere un mutuo per risolvere le loro temporanee difficoltà finanziarie invece di vendere i loro oggetti di valore tenuti nei loro conti o un prestito bancario” ha aggiunto il pledge director di BÁV.

Possibili effetti della situazione economica italiana sull’economia ungherese

Secondo i dati dell’Ufficio Centrale di Statistica Ungherese, dal punto di vista della capacità di produzione ed esportazione dei settori produttivi dell’economia ungherese, il tempo passaggio dall’economia italiana a un livello normale di funzionamento – a seconda della sua durata – può anche avere un effetto significativo sul funzionamento dell’economia ungherese.

Secondo i dati del 2019, il turnover del prodotto in Italia rappresenta il 5,6% delle esportazioni nazionali totali, mentre il 4,5% delle importazioni totali proviene dall’Italia

Secondo i dati sul commercio estero del prodotto, l’Italia è il secondo partner commerciale estero più importante dell’Ungheria nelle esportazioni e l’ottavo in termini di importazioni.

L’Italia è il 13° paese leader per importanza tra le società straniere che operano in Ungheria, secondo gli indicatori di performance, tra i paesi attualmente più colpiti dall’epidemia.

La chiusura dell’industria di trasformazione italiana potrebbe influenzare maggiormente le esportazioni di due prodotti agricoli, latte crudo e agnello.

Import dall’Italia

In caso di arresto dell’economia italiana, l’esposizione del commercio estero ungherese alle importazioni è significativa, soprattutto nell’industria automobilistica 

e delle macchine, e nell’industria tessile e farmaceutica. I gruppi di prodotti con le 15 maggiori quote rappresentano il 73,6% delle importazioni totali.

I 15 gruppi di prodotti più importanti delle importazioni dall’Italia, 2019